F.A.Q 1

La cura post trattamento

È molto importante essere consapevoli che la durata del trucco permanente dipende dall’operatore ma anche dal cliente stesso, perché un’adeguata cura post trattamento è fondamentale per una buona guarigione del trucco permanente.

Dopo essersi sottoposte alla seduta di trucco permanente bisogna seguire degli accorgimenti:

•Le prime 24 ore detergere la zona con acqua tiepida per evitare che si crei una crosta eccessiva dovuta all’eccesso di linfa , non usare altro – detergenti , sapone , struccanti per evitare di irritare la zona, in alcuni casi può creare delle reazioni allergiche

•Evitare di usare il make-up sulla zona trattata fino a quando non cadono le croste

•Applicare la crema, 2 volte al giorno ( mattina e sera ) , in un velo molto sottile , per idratare e ammorbidire la zona , per almeno due settimane

•NON TOCCARE LE CROSTE !! già dopo l’intervento iniziano a formarsi le croste in quanto inizia il processo di guarigione Bisogna evitare di toccare le croste , oppure cercare di rimuoverle in nessun modo , perché si può compromettere il risultato finale.

Dopo circa 7-10 giorni, una volta cadute le crosticine, il colore risulterà sbiadito.

Non è il caso di allarmarsi, fa parte del processo di guarigione, bisogna avere la pazienza di aspettare 20/30 giorni, quando il colore impiantato inizia a stabilizzarsi ed è più pronunciato.

Solo dopo 30-40 giorni il colore sarà più visibile e si potrà valutare un ulteriore ritocco.

Le prime 2 settimane bisogna evitare:

• l’esposizione al sole
• sauna
• piscina
• lampade
• sudorazione eccessiva
• trattamenti estetici di natura più invasiva (peeling chimici ecc.)

ATTENZIONE!! se la cliente è predisposta all’herpes (nel caso del trucco permanente alle labbra) dovrà fare una cura antivirale prima del trattamento oppure subito dopo, chiedendo al suo medico di base i farmaci da prendere in scopo di prevenzione dell’herpes, aumentando le sue difese immunitarie.

Le fasi di guarigione

Cosa succede i giorni successivi alla seduta di trucco permanente??

Se ha fatto il trattamento di trucco permanente alle sopracciglia, labbra oppure agli occhi (eyeliner)

deve tenere bene a mente che questo è composto da una seduta principale e quella di ritocco, dopo 1 mese (oppure più di una seduta di ritocco, in alcuni casi, importanti quanto la prima).

Che sia la prima seduta o un ritocco, dopo aver effettuato ciascun trattamento di trucco permanente, la condizione della zona trattata passerà le seguenti fasi:

1. L’ OSSIDAZIONE: il pigmento a contatto con l’aria inizierà a ossidarsi e a scurire. Questa fase inizia subito dopo aver finito il trattamento.

2. LA CICATRIZZAZIONE: già dal secondo giorno iniziano a formarsi le crosticine, le sopracciglia in questa fase sembreranno più grosse, avvolte in una crosta leggera che tenderà a seccare e cadere, portando via il colore superficiale (il colore che sembra cadere non è quello innestato, ma quello che è rimasto nella parte superficiale ). Queste crosticine, che dureranno 5/7 giorni, in base all’età e alle caratteristiche della pelle, devono cadere naturalmente, senza essere sfregati o sforzati in nessun modo.

3. LO SCOLORIMENTO: dopo la fase di cicatrizzazione, una volta cadute le croste il colore delle sopracciglia sembrerà sparito del tutto e risulterà molto chiaro.

Questo è un fenomeno del tutto normale, quindi NO PANIC!! In quanto subito dopo la caduta delle croste la pelle risulta molto pallida, per poi rigenerarsi entro 30/40 giorni.

4. LA GUARIGIONE: questa fase in realtà impiega da 30/40 giorni, si considera già dal secondo giorno dopo aver effettuato il trattamento di trucco permanente fino al completo turn over cellulare, che è relativo da persona a persona.

In seguito, il colore ritorna in superficie della pelle, ma sarà comunque più chiaro del lavoro eseguito. In generale dopo il 1 trattamento si perde il 20-30% del colore, proprio perché il nostro sistema immunitario lo elimina, per quello è sempre necessario una o più sedute di ritocco.

Le controindicazioni per effettuare il trucco permanente

Prima di sottoporsi al trucco permanente bisogna prendere in considerazione le situazioni in cui non si può eseguire il processo – le controindicazioni.

In fase di consulenza la cliente deve comunicare all’operatore se soggetta ad alcune di esse, completando il consenso informato.

Le controindicazioni per il trucco permanente possono essere:

• Relative
• Assolute.

Le controindicazioni di natura assoluta non permettendo in nessun caso l’esecuzione del trattamento.

Questi sono:

• Donne in gravidanza oppure in fase di allattamento
• Chemioterapia
• Emofilia
• Epilessia
• Persone diabetiche o in terapia insulinica
• HIV, epatite
• Cicatrici cheloide
• Malattie autoimmuni gravi.

Le controindicazioni di natura relativa permettono l’esecuzione del trucco permanente dopo aver valutato tutti i rischi e preso le precauzioni necessarie, in alcuni casi serve il consenso del medico curante.

Le controindicazioni relative sono:

• Minori di 18 anni (solo con l’accordo dei genitori)
• L’esistenza dei nei, cicatrici ipertrofiche, dermatite in corso (la cute deve essere integra)
• Deregolazioni psichiche oppure l’assunzione di farmaci immunodepressivi
• Cura con antibiotici in corso (il trucco permanente si esegue dopo)
• L’ipertonia cardiaca
• L’herpes
• La congiuntivite
• Interventi operatori recenti

Per chi ha la pelle molto secca, è importante prepararsi prima del trucco permanente, utilizzare delle creme o maschere idratanti, per rendere la pelle più elastica.

Evitare l’esposizione al sole almeno 1 settimana prima dell’intervento e 15 giorni dopo, per evitare il viraggio del colore oppure una secchezza eccessiva della pelle.

Richiedi informazioni

Telefono